consiglio comunale

CASO CANCELLIERI: "A MILANO SAPREMMO DI TUTTI I DETENUTI A RISCHIO SE FOSSE STATA ISTITUITA LA COMMISSIONE VOTATA 20 MESI MESI"

 Milano, 4 novembre

 
Sintesi dell'intervento svolto nel Consiglio comunale di Milano da Marco Cappato, Presidente del Gruppo Radicale - federalista europeo
 

Sono ormai passati 20 mesi da quando il Consiglio comunale di Milano approvò - su proposta del Radicale Lucio Bertè- la mozione Biscardini per l'istituzione di una Commissione comunale tecnica ad hoc con competenze, medico-sanitarie, di igiene edilizia e sicurezza degli impianti, per rilevare le condizioni oggettive di vita di tutti coloro che "abitano" ristretti negli Istituti di Prevenzione e pena sul territorio del Comune di Milano (Opera, S.Vittore e Bollate), nell'Istituto per i minorenni "Cesare Beccaria" e nel Centro di identificazione ed espulsione (CIE) di via Corelli. 

Testamento biologico, apre lo sportello in un modulo le decisioni sul "fine vita"

 A pochi mesi dal via libera in consiglio comunale, Palazzo Marino comincia a raccogliere il testamento biologico dei milanesi, cioè quelle dichiarazioni scritte spontanee in cui siano esplicitatele proprie volontà per quel che riguarda il «fine vita», sia in caso di morte, sia nella sventurata eventualità che si cada in uno stato di coma irreversibile o di incoscienza totale. Questo aveva stabilito la delibera approvata il 7 luglio scorso dall'aula. E questo si va a realizzare, dal prossimo 11 novembre, negli uffici dell'assessorato alle Politiche sociali di largo Treves 2, dove sarà in funzione uno sportello per depositare le «attestazioni anticipate di volontà sui trattamenti sanitari». Con questa formula si fa riferimento a tutte a prelievi e trapianti di organi o di tessuti in caso di morte cerebrale. Nel registro il cittadino potrà anche indicare se desidera la cremazione e la dispersione delle ceneri. I moduli sono già in stampa e così Milano si aggiungerà a quell'elenco di città dove si precede il Parlamento sulla strada dell'attuazione dei diritti della persona, così come sono indicati a livello generale nella Costituzione.

«Da radicale non sono contrario a quel premio»

 Pubblicato su Il Giornale, 25 settembre 2013

«Un laico o un radicale come me non dev'essere necessariamente contrario». Marco Cappato, ex europarlamentare della Lista Bonino, è uno dei dirigenti del movimento che, 30 anni fa, con una campagna nel Paese e con il referendum del 1981, ha ottenuto la possibilità di praticare l'aborto legale in Italia. Oggi Cappato siede in Consiglio comunale per il gruppo Federalista europeo, nella maggioranza. Idealmente c'è anche lui fra i destinatari dell'appello che il piccolo comitato spontaneo ha indirizzato a Palazzo Marino per ottenere l'assegnazione dell'Ambrogino d'oro a Paola Bonzi, fondatrice e direttrice del Centro di aiuto alla vita della Mangiagalli, donna simbolo dell'impegno per la vita. E lui, il leader milanese dei radicali - con una riserva di metodo - non ha veti da porre sulla candidatura, che presumibilmente arriverà sul tavolo dei capigruppo e dei consiglieri comunali.

"Possono riavere i quattrini perchè sono dei privilegiati"

Matteo Pucciarelli  oggi mi intervista su Repubblica-ed Milano

"Va bene il fatto che gli spetti di diritto, ma il problema è un altro: che qui i diritti spettano alla fine solo ai privilegiati», commenta il presidente 
del gruppo dei Radicali in comune Marco Cappato. 

In un anno oltre duemila biglietti gratis per i teatri a consiglieri e assessori Altri mille ingressi alla Scala non utili

Oggi su Repubblica -ed. Milano l'articolo di Oriana Liso

 

L’elenco è lunghissimo e, da un certo punto di vista, ottimo come osservatorio sul gradimento dei teatri comunali milanesi da parte di consiglieri, assessori, dipendenti e dei loro ospiti. Perché se in un anno, grazie alla convenzione tra la Scala e Palazzo Marino, i biglietti gratis utilizzati sono 1692 sui 3728 totali, per le rappresentazioni delle tre sale del Piccolo Teatro, più o meno nello stesso periodo, i biglietti utilizzati sono stati soltanto 129 sui 2228 disponibili. Spigolature colte negli elenchi sulla destinazione dei biglietti omaggio dei teatri milanesi ricevuti dal consigliere radicale Marco Cappato, dopo lunga attesa, dagli uffici di Palazzo Marino. Perché la questione delle regole e delle eccezioni degli ingressi gratuiti per attività di rappresentanza è uno di quei temi facilmente utilizzabili anche in funzione "anticasta" e che, per motivi di trasparenza, la giunta arancione ha promesso di meglio definire, così come accaduto almeno in parte per gli ingressi allo stadio.

RADICALI: "PUBBLICHIAMO AGGIORNAMENTO BENEFICIARI PASS CORSIE PREFERENZIALI MILANO"

Comunicato stampa del Gruppo Radicale - federalista europeo al Comune di Milano

Milano, 17 gennaio 2012

Sono pubblicati a questi link: http://www.milanoradicale.it/2013/01/17/elenco-aggiornato-dei-soggetti-b... gli elenchi dei beneficiari pass corsie preferenziali a Milano, così come ottenuti attraverso l'accesso agli atti presentato dal Presidente del Gruppo Radicale - federalista europeo, Marco Cappato.

PUBBLICATE LE SPESE PER I GRUPPI E PER LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Comunicato stampa del Gruppo Radicale - Federalista europeo al Comune di Milano

E' pubblicato online da oggi sul sito www.milanoradicale.it l'elenco dettagliato delle spese dei Gruppi consiliari e per la Comunicazione istituzionale del Comune di Milano a consuntivo per il 2011 e 2012, ottenute attraverso gli accessi agli atti presentati del Presidente del Gruppo Radicale - federalista europeo Marco Cappato
.
L'iniziativa rientra nell'ambito del progetto "Anagrafe pubblica degli eletti autogestita radicale del Comune di Milano", finalizzata alla pubblicità delle informazioni che riguardano la vita istituzionale e democratica della città di Milano

IL COMUNE REVOCHI IL GEMELLAGGIO CON SAN PIETROBURGO

Il 29 febbraio scorso, il Parlamento di San Pietroburgo ha approvato una legge che sanziona la cosiddetta “propaganda dell’omosessualità” criminalizzando di fatto qualunque attività o informazione relativa alle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali e alle relazioni tra persone dello stesso sesso. Nonostante questo, è ancora attivo il gemellaggio tra le città di Milano e San Pietroburgo, che tuttora si traduce in iniziative di collaborazione tra le due città come l'attuale festival del cinema russo in corso a Milano.

Prostituzione, Radicali: "Raccolte 4200 firme per zone a luci rosse a Milano"

Creare zone a Milano dove le prostitute possono ''esercitare liberamente la professione'', pagando imposte che poi potrebbero essere reinvestite per programmi di assistenza sociale e sanitaria. Si tratta di una delle proposte del Partito radicale, che attraverso il comitato 'Milano radicalmente nuova' ha raccolto 4.200 firme per presentare cinque delibere comunali di iniziativa popolare: regolamentare la prostituzione, ma anche stanze da iniezione, il testamento biologico, politiche antidiscriminazione e il registro delle unioni civili, già in discussione in Consiglio comunale.

L'obiettivo dei promotori è quello di raggiungere quota 5mila firme, necessarie per ottenere con certezza un pronunciamento del Consiglio comunale sulle 5 proposte entro 60 giorni. Mercoledì, dalle 12 alle 15, i Radicali allestiranno un banchetto in piazza Cadorna a Milano, dove sarà possibile far autenticare il proprio testamento biologico da alcuni notai.

 

Condividi contenuti