Ambrosoli

TRA ILLEGALITA' E GIUSTIZIALISMO, DEGNO EPILOGO DEL CONSIGLIO REGIONALE ABUSIVO DELLA LOMBARDIA


Il Consiglio regionale abusivo della Lombardia, costituitosi sulla base della più grande ed impunita truffa elettorale, prosegue come aveva iniziato: alternando illegalità e giustizialismo, tra chi fa politica proteggendo un sistema di potere trasversale e chi (spesso sono gli stessi) la fa sull'onda delle inchieste ogni volta che colpiscono l'altra parte.

Fa un po'  impressione assistere alla curva Nord di Maroni che fa la Ola per gli (altrui) avvisi di garanzia  -come ai vecchi tempi del cappio- e la curva Sud di Ambrosoli che promette allucinanti epurazioni in massa per gli indagati sulle note spese.

Condividi contenuti