eutanasia

Mi sono autodenunciato, continuerò ad agevolare chi chiede aiuto per poter morire

Ho depositato alle ore 15 di oggi, presso la Legione Carabinieri Lazio Stazione di Piazza San Lorenzo in Lucina a Roma, le dichiarazioni spontanee su come ho agevolato Dominique Velati a ottenere l'assistenza al suicidio assistito in Svizzera il 16 dicembre scorso. In particolare, ho riferito di averle fornito informazioni e assistenza nella procedura, di averle presentato le persone responsabili dell'organizzazione Svizzera e di avere effettuato un bonifico dal conto di "SOSeutanasia.it" per coprire il costo del biglietto del treno utile per andare, il 14 dicembre, a Berna per la prima visita medica.

Ho allegato alla dichiarazione spontanea tutto il materiale (scambio sms con Dominique per pagamento viaggio, trascrizioni e audiovideo) che comprova la veridicità delle mie dichiarazioni. Ho anche preannunciato che, come SOSeutanasia, continueremo ad avere contatti con altri malati terminali per lo stesso motivo e che intendiamo anche a loro, ove possibile, fornire ogni tipo di agevolazione affinché possano ottenere (laddove ne riempiano i requisiti), l'assistenza al suicidio assistito.

Mi auguro che sia il Parlamento a interrompere la nostra azione, mettendo finalmente in discussione la proposta di legge di iniziativa popolare per il rifiuto dei trattamenti sanitari e la liceità dell'eutanasia depositata alla Camera dei Deputati a settembre 2013. In caso contrario, spero che potremo difendere davanti al giudice il principio della libertà individuale e del diritto all'autodeterminazione.

Per sostenere la disobbedienza civile di Marco Cappato puoi fare una donazione a questo indirizzo: http://soseutanasia.it/

 

Rapporto Eurispes conferma: cittadini più liberali dei poteri televisivi e politici

 Il rapporto Eurispes anche quest'anno conferma, pur nei limiti del campione scelto, il quadro di cittadini largamente favorevoli ad allargare lo spazio della libertà e responsabilità individuale su tanti temi che riguardano la salute, la vita e le relazioni affettive e familiari. Si conferma, dunque, anche la distanza tra l'opinione pubblica e una classe politica da troppo tempo incapace di rimuovere proibizionismi insensati e violenti.

"Eutanasia anche per i bambini" Shock in Belgio, scoppia la polemica

Di Maria Novella De Luca, su Repubblica di 28 novembre 2013

 

 ROMA—Ci vorrà, naturalmente, il si dei genitori, e l'assistenza continua di uno psicologo. Perché è davvero una decisione che mette in gioco ogni angolo del proprio sé. Ma in Belgio comunque il primo passo politico è diventato realtà. Dopo l'Olanda infatti Bruxelles è il secondo Stato europeo ad approvare l'eutanasia anche per i bambini. Eutanasia pediatrica. In presenza di dolori insopportabili, di malattie ormai terminali, e con il supporto di uno specialista che valuti sempre la capacità di giudizio dei più piccoli, i genitori potranno dare il consenso per mettere fine alla vita e alle sofferenze dei loro bambini. Ma a differenza dell'Olanda, che prevede la "dolce morte" pediatrica in caso di malattie incurabili, ma non per i minori al di sotto dei dodici annidi età, in Belgio, dove l'eutanasia è legale dal 2002, non esiste, almeno in questa prima versione della legge, un limite di età.

Quando un minore chiede l'eutanasia: Belgio vs Italia

 Immagino già i commenti su Erode, la Rupe tarpea, il nazismo, la china scivolosa verso l'eugenetica. Come se 13 Senatori su 17 delle Commissioni congiunte affari sociali e giustizia del Senato belga avessero deciso che i bambini malati e disabili possano essere uccisi a discrezione di un Potere Totalitario Salutista che non ammette imperfezione e debolezza.

EUTANASIA: DAL SENATO BELGA UN AIUTO AI MINORI PER DECIDERE, MENTRE IL PARLAMENTO ITALIANO SI GIRA DALL'ALTRA PARTE

 Dichiarazione di Marco Cappato, Radicale, Promotore della Proposta di legge di iniziativa popolare per l'Eutanasia legale e Tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni

 
Milano, 27 novembre 2013
 
Il voto a larga maggioranza (13 contro 4) delle Commissioni congiunte affari sociali e giustizia del Senato belga apre la possibilità anche per i minori di ottenere, su loro richiesta, l'accesso all'eutanasia, previo l'assenso dei genitori e solo nel caso in cui essi siano malati terminali, seguiti da un'équipe medica, in condizioni di sofferenza fisica insopportabile e non mitigabile.

Eutanasia: " i capigruppo raccolgano il sollecito di Boldrini per calendarizzazione"

Dichiarazione di Marco Cappato, Tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni, a nome del Comitato promotore della proposta di legge di inizativa popolare per l'eutanasia legale

La Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini ha sollecitato i Capigruppo alla Camera a farsi carico dell'esigenza di un esame nelle Commissioni parlamentari, in vista della calendarizzazione in aula, delle proposte di legge di iniziativa popolare, secondo quanto ufficialmente comunicato da Carlo Leoni, Consigliere politico-istituzionale della Presidente Boldrini. 

Eutanasia, i promotori della legge di iniziativa popolare incontrano la presidente Boldrini " Intervenga per garantire dibattito

 Ieri, lunedì 28 ottobre, l'incontro di un’ora tra la Presidente della Camera, on. Laura Boldrini, e i rappresentanti del comitato promotore EutanaSialegale: Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni e ideatore della campagna, Filomena Gallo, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni, Mina Welby, prima firmataria della proposta di legge, Matteo Mainardi, coordinatore della campagna, e poi Rocco Berardo, Rosalba Saluzzo, Marco Perduca, Luigi Montevecchi, Stefano Incani.

Di seguito il testo consegnato alla Presidente Boldrini dal Comitato promotore

Ora le firme per l’eutanasia non restino ignorate

 

 Da stamattina, negli uffici della Camera dei Deputati giacciono 20 scatoloni con le firme di oltre67.000 cittadini italiani che hanno sottoscritto la proposta di legge di iniziativa popolare per l’Eutanasia legale. Tutti i sondaggi danno l’opinione pubblica italiana in maggioranza favorevole a una regolamentazione dell’eutanasia. Addirittura, secondo un sondaggio del Gazzettino, nel nordest gli elettori della Lega sono favorevoli al 70%, così come i praticanti saltuari della messa.

SPOT PER LA CAMPAGNA ON-LINE

Eutanasia legale: firma anche Dario Fo. Fino al 2 agosto si firma nei Comuni: un video con le istruzioni

 Dichiarazione di Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni

 

Anche Dario Fo e suo figlio Jacopo hanno aderito alla campagna sulla proposta di legge di iniziativa popolare per la legalizzazione dell’eutanasia, proposta dall’Associazione Luca Coscioni.


Gli artisti si aggiungono alla lista di oltre 200 personalità che in questi mesi hanno aderito alla campagna.

La campagna ha superato le 44.000 firme preannunciate da parte dei punti di raccolta, delle quali 24.000 già pervenute all'Associazione Luca Coscioni, che sta coordinando la raccolta. Per depositare la proposta di legge in Parlamento sono necessarie 50.000 firme autenticate e certificate. 

Condividi contenuti