Chi sono | Marco Cappato
Leader dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, promotore della campagna EutanaSia Legale per vivere liberi fino alla fine.
Marco Cappato, Libertà, Legalità, Laicità.
108
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-108,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

LA MIA BIOGRAFIA IN SINTESI

Sono nato nel 1971, laureato in economia, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, promotore del Congresso mondiale per la libertà di ricerca e della campagna Eutanasia legale

 

Sono stato deputato europeo radicale, Consigliere comunale e metropolitano a Milano e presidente di Radicali Italiani.

 

Curo l’edizione domenicale della rassegna stampa di Radio radicale “Stampa e regime”, sono giornalista pubblicista.

PER LA LIBERTÀ DI RICERCA SCIENTIFICA E DI FINE VITA

Nel 2004 sono stato eletto segretario dell’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica. Ho promosso insieme ad altri colleghi i referendum abrogativi della nuova legge sulla fecondazione assistita e in occasione delle elezioni europee sono stato coordinatore dell’area radicale.
Nel settembre 2006 ho aiutato Piergiorgio Welby, malato di distrofia, a chiedere l’eutanasia, prima attraverso un appello al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e poi con una serie di azioni giudiziarie e nonviolente, fino ad ottenere, il 20 dicembre 2006 l’interruzione delle terapie sotto sedazione nel rispetto della Costituzione.
Ho promosso la proposta di legge di iniziativa popolare www.eutanasialegale.it.
In questo video la storia della campagna.

DA SEMPRE IN PRIMA LINEA PER DIFESA DEI DIRITTI LGBTI

Nel 2007 fui arrestato a Mosca nel corso di una manifestazione pro-LGBTI che prevedeva la consegna di una lettera di protesta al Sindaco di Mosca, dopo che questo ordinò al Gay Pride il divieto di manifestare.
Uno degli aspetti che caratterizza il mio modo di fare politica è l’attenzione che ho sempre posto nella difesa dei diritti LGBTI, ed è per questo che come candidato sindaco ho inserito nel mio programma molte proposte per rendere Milano una città che in Italia può realmente essere all’avanguardia in tema di:
  • MATRIMONIO EGUALITARIO,
  • TURISMO GAY
  • VALORIZZAZIONE DELLA DIVERSITÀ TRA I DIPENDENTI COMUNALI
  • INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE TRANS
  • CONSULTORI POLISPECIALISTICI DEDICATI ALLE PERSONE TRANS
  • SEGGI ELETTORALI NON BINARI
  • PIANI CONTRO TUTTE LE DISCRIMINAZIONI E PER LE PARI OPPORTUNITÀ
  • L’OMOGENITORILITÀ
  • PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI DELLE PERSONE INTERSEX